Urban Pep: fashion for free people.

Dopo il caldo impetuoso e il sole cocente degli ultimi giorni, ho deciso di prendermi una pausa dalle spiagge e visitare la città sarda di Sassari.

Qui, passeggiando senza una meta precisa, mi sono imbattuta in un delizioso negozio di abbigliamento sostenibile con aggiunta di selezione vintage che ha immediatamente colpito la mia attenzione.

Varcando la soglia di Urban Pep ho scoperto una realtà unica e originale, oltre a una gentilezza senza pari e per questo desidero raccontarvi la sua storia.

Il brand e il movimento

Ingresso del punto vendita di Sassari.

Da quanto ho potuto apprendere tramite una piacevole chiacchierata in negozio, l’attività nasce nel 2016 ponendosi quale obiettivo la trasformazione del rifiuto in risorsa.

Perseguendo tale ideale, si vuole dare ancora più valore ai tessuti del passato mettendo in risalto la loro resistenza e potenzialità.

Agendo in questo modo Urban Pep si impegna a realizzare eticamente capi unici riflettendo un futuro della moda sostenibile e circolare.

La selezione etica

Tutti gli arredi sono realizzati con legname di scarto.

Il negozio offre un’ampia selezione di pezzi unici e stoffe ricercate, realizzati in totale armonia con l’ambiente.

La bellezza dei capi sta nell’originalità e nella versatilità che li contraddistingue, così che possano essere abbinati facilmente.

Ad oggi il brand ha recuperato oltre 10.000 capi di abbigliamento attraverso realtà sartoriali italiane e asiatiche, ridando valore a vecchi indumenti e tessuti attraverso il riciclo e l’upcycling.

I limiti della fast fashion

Uno scatto interno al negozio.

Basandosi su ritmi insostenibili, tessuti di scarso valore e manodopera non retribuita, la fast fashion ha un impatto disastroso sull’ambiente.

Optare per un abbigliamento sostenibile significa ridurre il nostro impatto sul pianeta e dare valore al lavoro delle persone e alla diversità.

Con il 90% di materiali riciclati e il 10% di produzione propria, Urban Pep è il negozio giusto per fare la differenza.

I miei acquisti

Parte della selezione presente nel p.v. di Sassari.

Scegliere è stato complicato poiché trovavo ogni capo comodo e irresistibile, ma con coscienza ho ristretto la selezione a ciò di cui avevo realmente bisogno.

Di seguito i capi di abbigliamento che ho scelto di acquistare, ai quali seguiranno dei singoli scatti sui social in cui ve li mostrerò indossati.

Camicetta con stampa a fiori color pesca, dal gusto retrò e in 100% poliestere riciclato.
Abitino in stile anni ’70 sui toni del rosa e del pesca, con motivo a fiori e ricamo frontale, 100% cotone.
Abito da giorno lungo e motivo a fiori blu, con balza e fiocchi modulabili e rouche sul décolleté.
Abito corto e leggero in stile anni ’70 con decorazioni blu e taupe, in tessuto increspato 100% cotone.
Camicetta sartoriale bianca con spalline imbottite e ricami, stile anni ’80, in 100% poliestere riciclato.
La busta del negozio, in carta 100% riciclata.

Che ne pensate, li trovate amabili anche voi? Conoscete già Urban Pep? Raccontatemelo qui sotto o nei commenti sulle pagine social di CEB.

Un abbraccio,

Cogito Ergo Bio
Cogito Ergo Bio

Benvenuto/a su Cogito Ergo Bio! Qui troverai articoli sulla cosmesi naturale, sul consumo consapevole e sullo stile di vita sostenibile. Buona lettura ✨

Find me on: Web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *